Come Fare le Tagliatelle Indonesiane

Come Fare le Tagliatelle Indonesiane

Luca No Comments
  Cucina

Quella che ti propongo adesso è una gustosa ricetta etnica, della cucina indonesiana. La ricetta è indicata per 4 persone. La ricetta è molto gustosa e speziata, e puo’ essere servita anche come piatto unico, grazie ai suoi ingredienti assai vari.

Occorrente
3 picchi d’aglio
2 cucchiaini di zenzero in polvere
6 foglie di cavolo
200 gr di pollo tritato
200 gr di gamberetti
3 carote
1 costa di sedano
2 cucchiai di polpa di pomodoro
350 g di tagliatelle
1 bicchiere di brodo
Sale

Prendiamo il pollo e tritiamolo, poi puliamo i gamberetti eliminando la testa e la corazza, e tritiamoli.
Laviamo le foglie di cavolo e tagliamole a listarelle.
In una casseruola mettiamo il pollo e i gamberi tritati, il cavolo, un po’ di pepe lo zenzero e l’aglio anch’esso tritato.
Mescoliamo tutto.

Aggiungiamo il burro e poniamo sul fuoco la casseruola e facciamo rosolare a fiamma media.
Quando è rosolato copriamo e lasciamo cuocere per una decina di minuti, mescolando di tanto in tanto.
Nel frattempo affettiamo le carote a fette sottilissime, tritiamo il sedano, e aggiungiamole al soffritto.

Aggiungiamo anche la polpa di pomodoro e il brodo, mescoliamo e lasciamo cuocere fino a quando le carote non diventano tenere.
In una pentola a parte mettiamo l’acqua per cuocere le tagliatelle.
Quando sono pronte scoliamole e versiamole nella casseruola del pollo. Facciamo insaporire il tutto per qualche minuto mescolando bene. Serviamo caldo.

Come Utilizzare la Scopa a Vapore per Pulire in Casa

Luca No Comments
  Guide

Se stai cercando di rendere i tuoi pavimenti il ​​più puliti possibile, usare una scopa a vapore è la soluzione migliore. La tecnologia della scopa a vapore è abbastanza semplice, questi dispositivi prendono l’acqua e la trasformano in vapore in modo da ottenere una straordinaria azione detergente.

Le scope a vapore non solo sono eccellenti per la pulizia, ma sono anche economiche in quanto non è nemmeno necessario utilizzare sapone o detergenti.
Nonostante l’utilizzo di una scopa a vapore sia semplice, di seguito riportiamo alcuni suggerimenti per aiutarti a ottenere il massimo da questi attrezzi.

Il primo passo per ottenere il massimo dalla tua scopa a vapore consiste nello spostare tutti i mobili e gli altri oggetti in modo che tu possa operare su ogni punto. Questo ti farà anche risparmiare tempo.
Prima di iniziare a pulire, è consigliabile spazzare o aspirare il pavimento per eliminare eventuali detriti, che potrebbero potenzialmente impedire la pulizia garantita dal vapore. Questo a meno che non si disponga una scopa a vapore aspirante, che svolge entrambe le operazioni contemporaneamente.
Dopo aver completato i passaggi precedenti, ora è il momento di tirare fuori la scopa a vapore.

Successivamente, riempi il serbatoio dell’acqua. Assicurati di non riempire il serbatoio dell’acqua mentre il mocio è collegato, le scope a vapore si riscaldano molto rapidamente e potresti bruciarti.
Ora che la scopa a vapore è pronta per l’azione, tutto ciò che devi fare è attendere l’accensione della spia.
Quando lo fa, la scopa a vapore è pronta per l’utilizzo.

Quando spingi la scopa in avanti, il vapore verrà rilasciato.
Quando la scopa a vapore si sposta all’indietro, raccoglie la polvere sul suo tampone di pulizia.

Dopo avere utilizzato la scopa a vapore, è probabile che sia necessario cambiare il tampone di pulizia per fare funzionare la scopa in modo efficiente. A questo proposito, è importante ricordarsi di scollegare la scopa a vapore prima di cambiare il suo tampone di pulizia.

Come probabilmente ti sarai reso conto, la scopa a vapore è un attrezzo piuttosto delicato.
Per aumentarne la durata, è importante conservarlo correttamente. Assicurarsi di rimuovere tutta l’acqua dalla scopa oltre a pulire o sostituire il tampone di pulizia e non riporre il mocio bagnato perché l’umidità potrebbe provocare muffa.

Come Fare la Spesa Risparmiando

Luca No Comments
  Guide

Siamo oggi bombardati dalla pubblicità che ci fa venire voglia di cose più improbabili, e ci sentiamo fuori dal mondo perché non abbiamo ancora provato quel tipo di pasta… Invece di correre al supermercato leggi la mia guida, ti darò dei consigli utili per risparmiare e per ottimizzare i tempi.

Ti consiglio di non gettare i volantini delle pubblicità ma di leggerli e stilare il menu della settimana, usa più volantini di catene di supermercati diversi. Facendo il menu settimanalmente, controllando le scorte di latte, le scorte di acqua, zucchero, farina e di pasta, decidi cosa mangiare e quindi cosa comprare e fai attenzione alle offerte.

Non commettere lo sbaglio di fare la spesa in un unico supermercato, infatti in catene diverse troviamo prodotti in offerta diversi. Cerca di conciliare gli spostamenti da un supermercato all’altro per ottimizzare i tempi e per risparmiare benzina. Giornalmente scrivi ciò che manca in casa, non comprare d’impulso ma rispetta la lista, se vuoi essere ancor più precisa e scrupolosa segna vicino ad ogni alimento il costo, non si avranno sorprese alla cassa!

Acquistate tante scorte d’acqua o di pasta se davvero c’è un offerta irrinunciabile, altrimenti comprate solo quella che vi serve nell’imminenza aspettando il momento dell’offerta giusta. Non fissarti solo sulle grandi marche prova anche prodotti meno sponsorizzati. Non fate spese frettolose, fate bene il rapporto quantità, qualità, prezzo…

Non andate mai al supermercato a stomaco vuoto, sarebbe la fine… Cercate di comprare le ricariche dei saponi, sono molto più convenienti; sui prodotti che sono in offerta controllate la scadenza e valutate se la quantità fa al caso vostro. Controlla sia la frutta che la verdura, comprala fresca, mi raccomando.

Come Fare Tagliatelle di Ceci

Luca No Comments
  Cucina

Sempre più cerchiamo alternative ai classici gusti di tutti i giorni. Questa ricetta di oggi, ha come componente la farina di ceci, presente nell’impasto delle nostre tagliatelle. Il risultato sta tutto nella delicatezza della nostra ricetta, un abbinamento perfetto.

 

Occorrente
200 grammi farina di semola,
100 grammi farina di ceci,
10 grammi di curcuma,
150 grammi di acqua,
20 grammi vino bianco,
10 grammi di olio extra vergine d’oliva,
350 grammi di macinato di coniglio,
1 cipolla piccola,
1 carota piccola,
un pò di sedano,
poco vino bianco,
10 pomodorini ciliegino,
sale,
basilico fresco,
poco pepe bianco

La prima cosa da fare, è prendere la classica tavola per impasti e versare le due farine, ben amalgamate.
Facciamo la classica fontana e versiamo: la curcuma, l’acqua, il vino bianco, l’olio extra vergine d’oliva.
Lavoriamo bene l’impasto, che dovrà risultare omogeneo e elastico, sufficientemente per essere ben lavorato.
Lasciamolo riposare in frigorifero per 15 minuti. Come abbiamo visto, non ci sono le uova e quindi per dare un bel colore, ho pensato di aggiungere un pò di curcuma.

Intanto, prendiamo una casseruola media e versiamo un pò di olio extra vergine d’oliva e i nostri odori. Cipolla, carota e sedano. Tutti rigorosamente tritati fini. Cuciniamo a fuoco lento, fino a completa doratura.
Aggiungiamo la carne macinata. Cuciniamo sempre mescolando.
Dopo circa 10 minuti, versiamo un pò di vino e cuciniamo il nostro ragù fino a completa evaporazione del vino stesso. Aggiustiamo di sale e di pepe. Ora mettiamo anche i nostri pomodorini, tagliati a metà e cuciniamo il tutto per altri 15 minuti circa.

Stendiamo la pasta per fare le nostre tagliatelle, aiutandoci con la nostra macchina per fare la pasta.
Cuciniamo la pasta come sempre “al dente”, scoliamola e versiamola nella pentola con il ragù. Guarniamo con un pò di basilico fresco.
Mantechiamo bene e serviamo caldissima.

Come Fare Germogliare i Semi

Luca No Comments
  Guide

Vuoi fare germogliare i semi prima di piantarli, in modo che le loro piantine escano subito dal terreno? In questa guida ti dirò come fare per farli germogliare. Una procedura che va bene per i semi di qualsiasi tipo. Non occorre nulla di particolare.

Questa procedura che sto per descriverti, è particolarmente indicata soprattutto d’inverno e durante il clima freddo. Infatti, semi piantati normalmente in un terreno freddo, faranno molta fatica a produrre i loro germogli e necessiteranno molti giorni. Invece, con il metodo seguente, in pratica, pianterai come delle piante già nate.

Innanzitutto assicurati che i semi siano secchi. Allora prendi uno straccio, imbevilo di acqua, racchiudici al suo interno i semi da far germogliare e poni il tutto vicino ad una fonte di calore, può essere sopra un termosifone o vicino al camino od anche vicino ad una stufa, avendo cura di metterli ad una sufficiente distanza se la fonte di calore è forte, per fare in modo che non si brucino.

Esponi i semi alla fonte di calore fino a che non vedrai i germogli. Quando vedi che lo straccio si è asciugato, bagnalo di nuovo. Anche se li esponi al calore, ad intermittenza, cioè un po’ si e poi no, non fa niente. Non ci vorrà molto tempo, al massimo 2 giorni vedrai i risultati. Piantando invece semi senza germogliare nel terreno freddo, questi potrebbero anche impiegare più di 10 giorni per spuntare.