Come Costruire una Batteria Aggiuntiva per una Fotocamera

Come Costruire una Batteria Aggiuntiva per una Fotocamera

Luca No Comments
  Guide

La batteria della vostra fotocamera dura troppo poco? Allora potete seguire questa guida! Grazie a pochissimi accessori riuscirete a costruire una batteria aggiuntiva semplicemente con l’utilizzo di batterie ricaricabili. In questo modo risparmierete il 70% sull’acquisto di un’altra batteria.

Occorrente
Portabatterie da 1.5V X 4
4 Batterie da 1.5V
Jack di connessione con fotocamera
Saldatore
Connettore per portabatterie
30 cm di cavo elettrico fino

Per Una Fotocamera Innanzitutto procuriamoci tutto il materiale descritto nella guida presso un negozio di elettronica ben fornito. Per quanto riguarda il jack di connessione alla fotocamera possiamo acquistarlo portando con noi il caricabatterie originale della fotocamera e mostrando il jack al negozio di elettronica.

Ora prendi il cavo elettrico e colleghiamo ad uno dei suoi estremi i due cavetti del connettore per portabatterie. Saldiamo il tutto utilizzando un saldatore e dello stagno elettrico. Fatta la salature copriamo i fili elettrici con del nastro isolante. Prendiamo il jack e saldiamolo all’altro estremo del cavo elettrico.

Prima di saldarlo controlliamo la polarità collegando il cavetto alla videocamera. Saldato anche il jack ricopriamolo utilizzando del nastro isolante. Non ci resta che collegare il jack alla videocamera e il connettore al porta batterie con le batterie inserite per goderci la nostra nuova e fiammante batteria nuova.

Come Allenarsi con l’Ellittica

Luca No Comments
  Guide

La meccanica muscolare di anca e gambe è pensata per camminare, correre e saltare, ma non per realizzare movimenti circolari.

L’azione di camminare è molto più vicina al movimento ellittico che al movimento circolare, per questo quando realizziamo un movimento ellittico utilizziamo di più e meglio i muscoli delle anche e delle gambe.

Quando camminiamo, il momento di maggiore implicazione muscolare è quando il nostro piede spinge all’indietro sul suolo affinché il nostro corpo si muova in avanti. All’indietro questo movimento non può essere imitato nelle biciclette statiche normali, invece è molto simile al movimento all’indietro delle bici ellittiche. In uguale maniera succede col movimento verso il davanti e verso il basso del piede quando si avvicina al contatto col suolo.

Anche nel reclutamento muscolare abbiamo grandi differenze tra le bici classiche circolari e le ellittiche. Nonostante nelle circolari con un buon lavoro di tecnica si possa arrivare a lavorare gran parte della muscolatura dell’anca e delle gambe, sarà sempre più complicato per certi fasci muscolari che nelle biciclette ellittiche.

Nelle ellittiche si spinge all’indietro per un percorso molto più lungo il pedale e si reclutano muscoli come il bicipite femorale ed i glutei, invece nelle biciclette circolari il movimento all’indietro, se si effettua una pedalata rotonda, è molto breve, usando suolo certe fibre e lasciando gran parte della muscolatura a parziale riposo. Nella bicicletta ellittica per allenare gli ischio tibiali ed i glutei non è necessaria tecnica, il movimento del pedale ci porta a realizzare correttamente il movimento, senza necessità di realizzare un apprendistato tecnico della pedalata.

Nel movimento verso avanti succede la stessa cosa, il pedale ci obbliga ad utilizzare totalmente il quadricipite, tanto quando andiamo verso avanti in orizzontale come quando spingiamo verso il basso e verso avanti. Nelle biciclette circolari questo movimento è quasi completamente verso il basso, lavorando su parte del quadricipite ma non su tutti i fasci muscolari che si sfruttano nell’azione di camminare o correre.

Nelle biciclette tradizionali, nonostante si mantenga una posizione la più corretta possibile, la colonna non avrà mai una posizione comoda e naturale. Dovremo essere inclinati verso avanti per potere arrivare al manubrio. Nelle biciclette ellittiche si sta in piedi, in posizione bipede, la posizione più naturale per la nostra colonna. Non è necessaria molta tecnica e disciplina per mantenere la posizione eretta durante l’allenamento con bici ellittiche, invece nel ciclismo tradizionale non potremo sempre avere una posizione corretta.

Come Preparare la Pasta con Pancetta

Luca No Comments
  Cucina

La ricetta che vi voglio proporre oggi riguarda la preparazione di un primo piatto molto profumato e sfizioso, perfetto da preparare in occasione di una cena informale tra amici: la Pasta con zucca e pancetta.

Ingredienti

pasta, 180gr

pancetta affumicata, 100gr

polpa di zucca, 100gr

cipolla bianca

sale, pepe, olio

Tempo di preparazione: 30 minuti

Preparazione

Iniziamo la nostra ricetta partendo dalla zucca: dopo aver ripulito la polpa da eventuali tracce di filamenti, tagliatela in cubetti non più grandi di un centimetro, quindi mettetela a rosoalare in una padella insieme ad un paio di cucchiai di olio.

Quando l’ortaggio avrà iniziato ad indorarsi, aggiungete mezzo bicchiere di acqua, quindi procedete con la cottura finché la zucca non si sarà ben ammorbidita e l’acqua evaporata. A questo punto, togliete la verdura dalla padella e su quella stessa pentola mettete ad imbiondire la cipolla tritata finemente con un paio di cucchiai di olio.

Aggiungete poi la pancetta e fatela saltare finché non si sarà ben rosolata, quindi aggiungete la zucca e mescolate bene per un paio di minuti. Aggiustate con un pizzico di sale e pepe e spadellate con la pasta che avrete lessato in un pentolino con abbondante acqua salata.

Come Preparare Carciofi Ripieni al Forno con Patate

Luca No Comments
  Cucina

Volete un’idea gustosa per portare in tavolo un contorno saporito? Oggi vi proponiamo i carciofi ripieni di patate e prosciutto, deliziosi e ideali da servire anche ai più piccoli. Ecco la ricetta facile e veloce.

Gli ingredienti per 4 persone
4 carciofi grandi
2 patate
200 g di formaggio stagionato grattugiato
100 g di speck a dadini
100 g di pangrattato
olio d’oliva, sale e pepe bianco

La preparazione della ricetta
Lessate le patate intere con la buccia. Lavate e pulite i carciofi e metteteli in una ciotola con acqua e abbondante limone. In un’altra terrina disponete pangrattato, prosciutto, formaggio e aggiungete poi le patate pelate, raffreddate e passate nello schiacciaverdure. Condite con olio, prezzemolo, sale e amalgamate il tutto.

Scolate anche i carciofi, allargate le foglie e inserite il ripieno, passateli poi in un tuorlo d’uovo sbattuto e nel pangrattato. Infornate in teglia ricoperta da forno a 180 gradi per 45 minuti circa.

Come Preparare Pasta e Lenticchie

Luca No Comments
  Cucina

Scopriamo oggi, una ricetta di un primo piatto vanto della cucina italiana della tradizione povera e genuina. Una preparazione che sposa pochi ingredienti ma dal risultato veramente saporito. Ecco una portata salutare e semplice dall’anima rustica e contadina: la pasta e lenticchie con la ricetta sfiziosa.

Gli ingredienti per 4 persone

500 g di pasta di un formato molto piccolo

300 g di lenticchie

500 ml di brodo vegetale

100 ml di passata di pomodoro

due cipolle

un ramo di rosmarino

sale e pepe nero

olio extravergine di oliva

formaggio grattugiato

La preparazione della ricetta

Per prima cosa le lenticchie vanno fatte riprendere in una ciotola d’acqua. Nel frattempo tritate finemente le cipolle e create un soffritto con olio d’oliva in una casseruola antiaderente. Una volta strizzate le lenticchie aggiungetele in padella e fate saltare il tutto.

Sfumate dopo circa due minuti con il brodo vegetale, incorporate anche la passata di pomodoro. Aggiungete ora la pasta, che deve essere di un formato molto piccolo. Regolate di sale, pepe e aggiungete il rosmarino. Lasciate cuocere per il tempo di cottura della pasta, mescolando in continuazione. Mantecate con formaggio e servite in tavola la pasta e lenticchie molto calda.