Guide

Come Ottenere Bonsai per Propaggine

Luca No Comments

Questo è un sistema per ottenere un bonsai per propaggine. La propaggine non è altro che un metodo di moltiplicazione possibile soprattutto con gli arbusti, o comunque con tutte quelle piante che abbiano i propri rami il piu’ vicino possibile al terreno.

Per prima cosa, aiutandoci con la figura che ho allegato alla guida, procediamo in questo modo: prendi un ramo basso della pianta che intendi riprodurre e piegalo verso terra, togliendo con cura e molta attenzione, ogni foglia ed ogni rametto lungo tutta l’area che andra’ poi posta sotto il terreno.

Ora, in questa porzione di ramo, fai, nella parte inferiore dello stesso, uno o due tagli longitudinali che abbiano una lunghezza circa di quattro centimetri. In questo modo faciliterai il formarsi delle radici. Poi, fatto questo, interra questa parte di ramo ad una profondita’ di circa dieci centimetri.

Mantieni umida la terra per il tempo necessario al formarsi delle radici. Quando la nuova pianta sara’ nata, potrai separare la porzione di ramo dalla pianta principale e mettila in un vaso prestando le stesse attenzioni che avrai per tutte le altre giovani piante che si saranno appena formate per propaggine.

Come Ottenere Bonsai da Talea

Luca No Comments

Attraverso questa guida sarete in grado di ottenere un bonsai dalla talea. La talea è letteralmente il ramoscello di un albero o arbusto che si pianta nel terreno per ottenere un nuovo individuo. Servirsi di questo metodo è molto utile perche permette di riprodurre bonsai in un tempo relativamente breve. Altro vantaggio del metodo è che si conosceranno sin dal pricipio le caratteristiche generali dell’albero che otterremo.

Il primo passo per ottenere un bonsai dalla talea sarà quella di individuare l’albero madre dal quale ricavare la talea. Generalmente i più adatti alla talea sono alberi quali l’acero, il salice, il carpino, l’azalea, il ginepro, il cipresso. La talea si può ricavare dal fusto, dalla foglia o dalla radice di una pianta. Bisognerà raccogliere una talea con un piede di legno più vecchio staccando il fusto giovane dal più vecchio con un coltellino acuminato o forbici ben affilate.

Il piede di legno più vecchio dovrà rimanere ancora in questa seconda fase. Esso infatti non dovrà essere rimosso fino l’inserimento nel terreno. Prima dovremo dividere idealmente in tre parti il fusto ottenuto e asportare tutte le foglie che si trovano sulla terza ideale ed inferiore sezione da noi individuata. Le foglie rimaste, quelle nelle sezioni superiori, dovranno essere spuntate più o meno alla loro metà in modo da ridurre al minimo l’evaporazione della pianta conservando più energie possibili.

A questo punto potrai eliminare il piede di legno più vecchio poichè dovrai procedere all’inserimento della talea nel terreno ed inserirle in questo fino ad un terzo della loro lunghezza. Al fine di lasciare più spazio possibile ad ogni talea sarà bene disporle in una contenitore di forma rettangolare come quelli utilizzati per i fiori da balcone. Le talee dovranno quindi essere ben distanziate e inclinate rispetto al terreno in modo che le foglie non si tocchino e non si rubino luce e calore tra loro. Il terreno dovrà essere mantenuto ad una temperatura di 16-18 °C e in costante stato d’umidità.

Come Stendere il Bucato

Luca No Comments

Chiunque abbia a che fare con le quotidiane e faticose faccende domestiche sa bene quanto siano impegnative. Ciò che non tutti sanno invece, è il fatto che con piccoli accorgimenti potrete fare meno fatica e ottenere risultati migliori.

Uno dei compiti più ingrati in casa è certamente stendere i panni: ma come stendere il bucato e fare meno fatica?

Semplicissimo. Innanzitutto stendere bene significa anche curare la qualità del vostro bucato. Per prima cosa dovrete fare bene attenzione a come utilizzare le mollette.

Se le utilizzate per fissare i capi allo stendino, dovrete cercare di inserirle in punti “nascosti”, ad esempio sotto la manica. In tal modo eviterete di avere dei segni antiestetici una volta che il capo si sarà asciugato. Se ne avete la possibilità potrete poi optare per le classiche stampelle, soprattutto nel caso in cui dobbiate stendere le camicie o gli abiti: le pieghe saranno ridotte al minimo.

Altro accorgimento da seguire soprattutto in questo periodo riguarda i capi pesanti: per evitare che si sformino non dovrete stenderli (capi in lana soprattutto) per le estremità, ma dovrete distribuire tutto il peso sullo stendino.

Avrete invece meno difficoltà con i capi sintetici che riacquistano molto facilmente la propria forma in qualsiasi momento una volta asciutti. Attenzione poi ai colori: quando stendete i capi colorati al sole dovrete fare attenzione che non ingialliscano. Il consiglio per preservare i colori, il bianco e le scritte è di stendere i capi al rovescio evitando i raggi diretti del sole oppure stendere in casa e sfruttare uno stendino elettrico, relativamente a cui è possibile vedere questa guida per velocizzare l’asciugatrice.

In tal modo, potrete preservare la qualità del vostro bucato e dei vostri capi e potrete anche fare certamente meno fatica quando dovrete stirare i vostro abiti. Stendere bene gli abiti significa anche stirare più facilmente e velocemente.

Come Incorniciare un Puzzle

Luca No Comments

Risulta essere una passione di molti che richiede tanta pazienza, molto tempo e occhio per i colori e le forme. Sono i puzzle che richiedono tutte queste caratteristiche e molte altre ancora, tanti pezzi, ma la cosa che preoccupa qualcuno è la difficoltà di inserire il tutto in una cornice senza che caschi il lavoro di giorni.

Prima di tutto preparatevi ad essere delicati con il risultato finale, perchè ci vuole veramente poco per disfare il lavoro di giorni e giorni. Innanzi tutto consiglierei di acquistare la cornice alla fine della composizione, in modo da misurare il puzzle ed avere la misura precisa e non quella approssimata.

Insieme alla cornice dovrete acquistare la colla per i puzzle, che troverete nei supermercati e nei negozi di giocattoli che vendono puzzle. Varia il prezzo a seconda della marca, ma potete tranquillamente andare su quella che costa di meno tanto il risultato è il medesimo. Spostate il puzzle fatto sul cartoncino della cornice.

Dopo, passate la colla sulla parte dell’immagine del puzzle, e con la spugnetta che sarà compresa nella colla per puzzle, stendetela su tutta la sua superficie. Il tempo di asciugatura della colla è di un’ora, ma vi consiglio di lasciarla in posa per almeno una mezz’ora in più rispetto al tempo indicato. Terminata l’asciugatura, potete completare la chiusura della cornice e appendere.

Come Incorniciare Stampe da Calendario

Luca No Comments

L’anno è finito e buttare via un bel calendario può essere spiacevole. Infatti alcuni calendari sono dei veri e propri album di fotografie oppure possono contenere immagini a cui si è particolarmente legati (dipinti, fiori, animali ecc.). In questa guida si spiega come incorniciare le stampe del calendario con cartoncino colorato in modo semplice e soprattutto economico.

Per prima cosa ritaglia le stampe dal calendario in modo che siano tutte delle stesse dimensioni, ovviamente devi eliminare il mese e i giorni. Misura le stampe ottenute (LxH) e procurati la cornice o le cornici di dimensioni maggiori delle stampe. Se i disegni o le foto hanno un colore prevalente, la cornice potrebbe richiamare quel colore. Se le stampe sono piccole puoi fare un unico quadro. Se le dimensioni sono maggiori puoi decidere di fare 12 quadri o di raggrupparle come più ti aggrada (a due a due, a tre a tre ecc.).

Ora puoi procurarti il cartoncino bristol colorato. Il colore deve concordare con la cornice quindi può essere un colore complementare (cornice rossa – cartoncino verde, cornice gialla – cartoncino viola, cornice blu – cartoncino arancio) o una tinta di una tonalità più chiara o più scura del colore della cornice. Se non vuoi sbagliare accostamento usa il nero, il bianco o il beige. Eventualmente puoi anche utilizzare pezzi di cartocino avanzati da altri lavori.

Il cartoncino comunque deve avere la stessa misura del vetro della cornice. Ora, in base alla dimensione delle stampe ottenute decidi la disposizione. Possono essere sistemate equidistanti. Ritaglia con il taglierino il cartoncino in modo da creare dei riquadri almeno 1 cm più piccoli delle tue stampe. Applica sul perimetro del riquadro ottenuto lo scotch doppio. Sulla stampa, con una matita, tratteggia la misura del riquadro, ti servirà da guida per l’applicazione. Togli la pellicola protettiva dallo scotch doppio e con attenzione e precisione fai aderire la stampa al cartoncino. Terminata l’operazione sistema il cartoncino a contatto del vetro e monta la cornice.