Come Rendere Sicura la Cucina per i Bambini

Come Rendere Sicura la Cucina per i Bambini

Luca No Comments

In questa guida troverai le indicazioni per rendere più sicura la tua cucina per i tuoi bambini, ti indicherò alcune cose da dire a tuo figlio e alcune precauzioni che dovrai prendere tu in prima persona per evitare spiacevoli inconvenienti. Mi raccomando stai molto attento.

La prima cosa che devi fare è prendere delle misure di sicurezza, spiega al tuo bambino però senza spaventarlo i pericoli che ci sono lavorando in cucina, come se spiegassi i pericoli che ci sono quando si attraversa una strada e dai tu stesso il buon esempio. Quando i bambini sono in cucina sorvegliali e non fargli usare un utensile o un elettrodomestico fino a quando non sa usarlo senza pericolo.

La seconda cosa da fare è proteggere le dita. frullatori e tritatutto dovrebbero essere usati solo sotto la sorveglianza di un adulto, e accertati che sia spento quando tuo figlio ci mette una posata dentro. Può sembrare un controsenso ma mantieni i coltelli affilati perchè se non lo sono si fa più forza per tagliare e tuo foglio potrebbe farlo scivolare e farsi male.

La terza e ultima cosa da fare è stare attenti alle bruciature. Tieni fornelli e forno spenti quando non li usi e tienici lontano asciugamani, libri, presine. Posiziona i manici del tegame verso l’interno dei fornelli così da non poterli urtare quando passi. Se tuo figlio ti aiuta vicino ai fornelli accertati che si trovi su una base stabile e robusta.

Come Deodorare la Lettiera di un Animale

Luca No Comments

A volte, entrando nelle case di chi ha un animale domestico, si avverte quel fastidioso odore che proviene dalla lettiera dei nostri amici a quattro zampe, specialmente da quella del gatto. Per quanto ci si sforzi di pulirla, spesso l’odore ricompare dopo poco tempo. Con questa facile guida scoprirete come risolvere il problema.

Il bicarbonato è efficace per deodorare le lettiere e le gabbiette dei piccoli animali perché neutralizza gli acidi urici assorbendo i cattivi odori. In più non è tossico e quindi completamente sicuro per la salute del tuo animale. Per questo motivo, puoi usarlo in tranquillità ogni volta che desideri eliminare i cattivi odori provenienti dalla lettiera.

Spargi sul fondo della cassetta uno strato di bicarbonato, prima di versarvi la sabbia pulita. Per attenuare gli odori persistenti e prolungarne l’efficacia, di tanto in tanto puoi versare una manciata di bicarbonato direttamente sulla superficie della lettiera o mischiarlo alla sabbia, in quanto totalmente atossico.

Invece, per eliminare l’odore di plastica quando la lettiera è ancora nuova, lavala in una soluzione di acqua e bicarbonato. Ti serviranno circa due cucchiai di prodotto, corrispondenti a 50 gr circa, per ogni litro d’acqua. Puoi immergere la lettiera nella soluzione preparata, o riempire la lettiera della soluzione stessa. Quindi, risciacqua.

Come Fare il Rinvaso di una Pianta

Luca No Comments

Rinvasare una pianta nel modo corretto, evitando così traumi alla stessa, non è difficilissimo, ma è importantissimo per la giusta crescita di quest’ultima. Se volete imparare ad effettuare quest’operazione nel modo migliore, seguite questa guida e ne rimarrete soddisfatti.

Iniziate recandovi in un negozio di articoli per la casa oppure in un vivaio o se preferite va bene anche un supermercato ben fornito, e procuratevi un vaso che sia di plastica o di terracotta (come preferite) non importa, l’importante che abbia un diametro di due centimetri più grande rispetto a quello dove la pianta si trova attualmente; acquistate poi del terriccio universale e dell’argilla espansa o in alternativa del ghiaietto.

Tornati a casa, prendete dei fogli di giornale che andrete a posizionare in balcone, per evitare di cospargere inutilmente di terriccio il pavimento che oltretutto si sporcherebbe eccessivamente. A questo punto iniziate il travaso della pianta dal vecchio vaso ormai troppo piccolo per la sua crescita esponenziale, a quello più grande.

Ponete sul fondo di quest’ultimo uno strato di argilla espansa o di ghiaietto se preferite, e poi un altro strato di terriccio. Ora adagiatevi sopra la zolla che contiene la pianta da rinvasare e disponete accuratamente le radici di quest’ultima. Aggiungete altra terra e spingetela tutt’intorno ad essa e affondatela per bene con le mani per evitare di lasciare spazi vuoti. Continuate così fino ad arrivare a tre centimetri dall’orlo del vaso e poi innaffiate abbondantemente.

Come Ottenere Ricci Elastici

Luca No Comments

I capelli ricci esprimono sensualità e dolcezza, molto spesso però con il freddo e lo stress i capelli finiscono con lo sfibrarsi e allora anche i ricci perdono la propria forma ideale. Sono poche e semplici le mosse con le quali ridar vita ai vostri capelli ricci che saranno di nuovo morbidi e splendenti.

Il primo passo è lo shampoo, adoperate un shampoo molto delicato e non aggressivo e massaggiate accuratamente il cuoio capelluto. Non dimenticate di applicare una maschera rinforzante soprattutto sulle punte in modo da dargli di nuovo vigore, un piccolo segreto è quello d lasciarla agire un pò in più rispetto a quanto scritto sulla confezione.

Finito di lavare i capelli passate all’asciugatura, quando ne assorbite l’acqua con l’asciugamano non sfregatela violentemente contro i capelli ma anzi tamponateli con leggerezza in questo modo eviterete di danneggiarli ulteriormente. Fatto ciò applicate soltanto sulle lunghezze due gocce di olio di semi di lino e lasciateli agire per qualche secondo.

Per finire applicate una noce di schiuma ai vostri capelli e modellate i ricci. Asciugateli con il diffusore e a testa in giù ma mi raccomando non mettete il phon troppo vicino ai capelli altrimenti finiranno col bruciarsi. Una volta asciutti sollevate la testa e applicate ai vostri ricci una sola goccia di semi di lino in modo che i vostri capelli saranno elastici e definiti e non diventeranno crespi.

Come Ottenere Bonsai per Propaggine

Luca No Comments

Questo è un sistema per ottenere un bonsai per propaggine. La propaggine non è altro che un metodo di moltiplicazione possibile soprattutto con gli arbusti, o comunque con tutte quelle piante che abbiano i propri rami il piu’ vicino possibile al terreno.

Per prima cosa, aiutandoci con la figura che ho allegato alla guida, procediamo in questo modo: prendi un ramo basso della pianta che intendi riprodurre e piegalo verso terra, togliendo con cura e molta attenzione, ogni foglia ed ogni rametto lungo tutta l’area che andra’ poi posta sotto il terreno.

Ora, in questa porzione di ramo, fai, nella parte inferiore dello stesso, uno o due tagli longitudinali che abbiano una lunghezza circa di quattro centimetri. In questo modo faciliterai il formarsi delle radici. Poi, fatto questo, interra questa parte di ramo ad una profondita’ di circa dieci centimetri.

Mantieni umida la terra per il tempo necessario al formarsi delle radici. Quando la nuova pianta sara’ nata, potrai separare la porzione di ramo dalla pianta principale e mettila in un vaso prestando le stesse attenzioni che avrai per tutte le altre giovani piante che si saranno appena formate per propaggine.